Romería

Cultura

Arte, sentimento e tradizione

Concorso di saetas

119
2

Concorso che si celebra all’inizio della primavera nella località di Marchena, zona con una grande storia e tradizione legata a questo tipo di canto. 

In primavera, la musica flamenca viene trasmessa attraverso la saeta. Tradizionalmente, si canta solo in quei giorni ed è uno stile che è stato interpretato sia dai cantanti di flamenco (cantaores) sia da interpreti non esclusivamente flamenchi. 

Da un punto di vista flamenco, la saeta è un cante composto da strofe di quattro o cinque versi ottonari, la cui origine risale alla tendenza flamenca, di inizio del XX secolo, del cantico popolare dello stesso nome e che, fondamentalmente, si canta per siguiriyas, martinetes, soleá o carcelera. Probabilmente, l’origine della saeta risale alle Coplillas che cantavano o recitavano nel XVI e XVII secolo i padri francescani. Verso metà del XIX secolo fa la sua comparsa la Saeta primitiva, cantata non più dal nazareno o dal cosiddetto fratello, bensì dalla popolazione anonima, spontaneamente, da casa o dal balcone, per strada o in chiesa; e all’inizio del XX secolo nasce la saeta flamenca, tra Jerez e Siviglia.

L’importanza di questo canto a Marchena è resa evidente dall'esistenza della Scuola di Saetas, creata con l’appoggio della Confraternita dell’Humildad. 

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.