Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa di Nostra Signora dell’Assunta

804
0

La Chiesa Parrocchiale di Nostra Signora dell’Assunta si trova nella parte meridionale del paese, nella zona comunemente nota come "El Palacio". Si trova in una zona alta, vicino al vecchio letto del fiume Guadalquivir, da cui si può vedere la Vega.

La edificazione iniziò nel 1555 a cura di Juan Pérez Caravallo. I lavori furono interrotti e ripresi nel 1619 da Diego López Bueno. Si caratterizza per la pianta basilicale a tre navate. La navata centrale è coperta da un suggestivo soffitto a cassettoni della metà del XVI secolo e le navate laterali da travi in legno inclinate a una falda. La crociera è coronata da una volta che mostra un disegno ferrage in stile fiammingo, notevole per la sua complessità e l'armonioso disegno curvilineo, in cui compaiono gli stemmi dei conti di Cantillana. La torre fu edificata nel XVIII secolo, opera eseguita dell'architetto diocesano Diego Antonio Díaz.

All'interno, l'attuale pala d'altare maggiore proviene, per la maggior parte, dal convento di San Domenico di Carmona ed è opera di Juan Gatica, degli inizi del XVII secolo. Al centro vi è l'immagine dell'Assunzione della Vergine e, ai lati, San Gioacchino, Sant’Anna e diversi santi domenicani.

A sinistra, vi è la cappella del Tabernacolo, con una bella pala d'altare del creatore di immagini Jerónimo Hernández de Estrada, presieduta dall'Immagine di un'Immacolata barocca. In essa spicca un San Pietro del XVII secolo e un interessante dipinto con la Trinità dolente. In questa stessa cappella, c'è una pala d'altare con la Vergine del Presepe, un'Immagine che ricevette grande devozione.

Nella navata dell'Epistola si trova l'immagine della Divina Pastorella, nell'antica pala dell'altare maggiore del convento francescano. Contiene immagini di Santa Chiara e San Diego di Alcalá. I dipinti nella cappella sono dell’illustre cittadino di Cantillana Ricardo López Cabrera e di José María Labrador. Nella stessa navata si trovano le immagini del Cristo della Misericordia, opera di Castillo Lastrucci, e della Vergine della Carità, di Francisco Buiza.

Nella chiesa si possono contemplare anche una croce di rocaille del XVIII secolo e le immagini di San Giuseppe, della Madonna del Voto, la Crocefissione di San Filippo e Cristo legato alla Colonna. Nella sacrestia sono custoditi importanti oggetti di oreficeria, come ostensori, calici, vassoi, etc. dei secoli XVI-XIX, e alcuni dipinti, di cui diversi del pittore locale Antonio Sánchez Palma.

Orario

19-21, martedì, giovedì e venerdì

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.