Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa di San Sebastián e cappella della Vera Cruz

152
1

Costruzione del XVI secolo, situata originariamente nelle vicinanze della città, e edificata su quello che probabilmente era l’eremo di San Sebastián, di origine mudéjar secondo la pianta, è sempre stata legata alla confraternita della Vera Cruz. Nel XVIII secolo fu dichiarate in rovina e dopo la ricostruzione venne edificato un Ospedale dei poveri annesso alla cappella, usanza molto estesa nelle confraternite dell’epoca. Nel 1875 si costruisce vicino alla stessa il cimitero municipale e viene inclusa come chiesa dello stesso, fino alla costruzione di quella attuale.

A tre navate (l’edificio originariamente ne aveva una), l’edificio presenta soffitto a cassettoni in legno sulla navata centrale e volta a crociera su quelle laterali e sul presbiterio, divisi da archi a tutto sesto che si appoggiano su pilastri ottagonali.

Le immagini titolari della confraternita costituiscono le opere di maggior valore della cappella, soprattutto il Cristo della Vera Cruz (XVI Secolo) elaborato in pasta in colla, proveniente secondo la tradizione dal continente americano per la similitudine che presenta con altre opere realizzate secondo lo stile di Michuacán (Messico). Conserva reminiscenze gotiche e rinascimentali.

Allo stesso tempo, la cappella ospita la Madonna del Mayor Dolor, anonima e attribuita a la Roldana; e un San Sebastiano del XVI secolo sul retablo maggiore.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.