Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Convento de la Encarnación

761
0

Il convento de la Encarnación di Siviglia si trova nel cuore della città, di fronte alla Cattedrale e al Palazzo Arcivescovile, nel quartiere di Santa Cruz. È popolarmente noto come il Convento di Santa Marta, poiché si trova sul terreno dell'antico Ospedale Santa Marta.

Convento appartenente all'Ordine degli Eremiti Agostiniani, ordine fondato nel 1244, che all'inizio si stabilirì in Plaza de la Encarnación e successivamente si trasferirì nella loro attuale sede in Plaza de la Virgen de los Reyes.

La chiesa è formata da un'unica navata coperta da volte a crociera sostenuta da quattro mensole. Il presbiterio di pianta quadrata è coperto da una cupola che coincide con un'antica cappella musulmana.

Nell'Ottocento vennero aggiunte altre dépendance al convento per l'arrivo della comunità agostiniana, tra cui un coro alto e basso, fu aperta la porta in Plaza de la Virgen de los Reyes e venne costruita una lanterna nella cupola e l'attuale campanile.

Nel convento sono presenti pale d'altare e altari dedicati a vari santi: la pala d'altare maggiore, in stile neoclassico come il resto delle pale d'altare rinvenute all'interno, è presieduta da un gruppo scultoreo de "L'Annunciazione".

La zona di clausura si presenta diversa dalle consuete soluzioni monastiche per la presenza degli edifici circostanti. La residenza delle monache si trova nel chiostro rettangolare principale di recente costruzione, è del 1971.

C'è un'area con frutteto e giardino dove si trovano le stanze di lavoro della comunità, anche in questa zona si trova una torre appartenente alle mura difensive musulmane.

Fu fondata nella Plaza de la Encarnación nel 1591 per ordine testamentario di Don Juan de la Barrera, anche se questo edificio fu demolito durante l'occupazione francese nel 1811, le monache dovettero rifugiarsi nel convento dei Terzi francescani, in calle Sol. Pochi anni dopo il vescovo Cienfuegos regalò loro alcune case davanti alla cattedrale, sul terreno dell'antico ospedale di Santa Marta. Nel 1819 iniziò la nuova storia del convento.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.