Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Alcázar di Écija (Giacimento Archeologico Plaza de Armas)

290
0

Il giacimento archeologico situato nell'antica Plaza de Armas del Alcázar Real, noto come El Picadero, occupa la zona più alta della città, dove si possono trovare resti turdetani, romani e resti delle mura di un castello mussulmano; si possono osservare i livelli di occupazione di Écija dalle sue origini, verso l’VIII secolo a.C. fino ad oggi.

Le varie campagne archeologiche mostrano evidenti segnali di occupazione dal IX secolo a.C., con una continuità nell’uso dello spazio che arriva fino all’epoca attuale. Attraverso questi interventi portati avanti dal 1999 si è potuto portare alla luce importanti resti, tra i quali risaltano quelli dell’epoca romana.

Nell’epoca di Al-Andalus diventerà l’Alcázar di Istiya, l’Écija mussulmana. Dopo la riconquista della città nel 1240 da parte delle truppe castigliane, la fortificazione verrà amministrata da diversi alcaides nominati dal re. Dopo vari secoli di deterioramento, nel XVIII secolo divenne un maneggio, ecco perché lo si conosce popolarmente in città come quartiere del “Picadero”. 

Al suo interno si osservano i resti di un edificio turdetano, le cui funzioni sono legate al culto e diverse stanze romane riccamente decorate con mosaici, pavimenti di marmo e affreschi in un eccezionale stato di conservazione. Dai resti della fortificazione mussulmana si può ammirare l’intera città.

Categoria

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.