Pinares de Doñana

Spazi naturali

Più di trecento paraggi e riserve naturali

Rivera del Huéznar

316
0

Il Rivera del Huérzar è uno dei tre grandi fiumi della Sierra Morena sivigliana, insieme al Viar e al Retortillo. Come tutti gli affluenti del margine destro del Guadalquivir, nel quale sfocia a Tocina, si tratta di un fiume dal corso breve, con tracciato sinuoso e notevoli dislivelli.

Nel Rivera del Huéznar c’è da segnalare la presenza lungo il suo corso di un bosco a galleria ben sviluppato, il quale conserva in alcuni tratti la diversità di specie che contraddistingue questa formazione vegetale. Questa densa vegetazione di sponda accoglie una grande varietà di uccelli che si rifugiano e nidificano negli alberi sul fiume, tra cui troviamo il martin pescatore, il merlo acquaiolo e l’usignolo. Sono presenti anche piccoli mammiferi, tra cui la nutria che vive solo nei fiumi con sponde protette e acqua limpida, pesci come la trota comune, la boga, il cobite iberico e il calandino, e crostacei.

A San Nicolas del Puerto nasce il Rivera del Huéznar, oltre a trovarsi nel termine municipale del Monumento Natural Cascadas del Hueznar.

La sorgente del Rivera del Huéznar si trova presso una zona nota come El Venero o Borbollón. L’acqua, che sorge dal suolo a fiotti in vari punti, è ricca di bicarbonato di calcio grazie alla sua circolazione sotterranea per rocce carbonatiche. Vicino alla sorgente si trovano le Cascate del Huéznar. In questa zona, il fiume scorre sotto densi boschi a galleria, formando ristagni in alcuni pozzi e superando dislivelli di piccola altezza mediante salti d’acqua, nei quali si sono originate cascate di travertino dovute alla precipitazione del carbonato di calcio contenuto nell’acqua sulle rocce o sulle piante. I depositi seguono la forma della cascata, originando scivoli e cortine di roccia che rendono caratteristico il paesaggio e che gli è servito per essere dichiarato Monumento Naturale per suoi i valori geologici.

A Cazalla de la Sierra, el Rivera del Huéznar scorre per 15 dei suoi 60 km di lunghezza e percorre il Parco Naturale da nord a sud, perpendicolarmente alle formazioni geologiche che attraversa, composte da ardesia, granito, calcare e quarzite.

L’accessibilità di una gran parte della zona del fiume al suo passaggio per Cazalla de la Sierra ha fatto sì che tradizionalmente abbia un elevato uso pubblico come luogo di svago e trekking
L'accesso è libero dalla strada A-455 da Cazalla de la Sierra a Constantina. È possibile accedere anche a piedi dal sentiero Las Laderas.

Dotazioni: Aree ricreative Isla Margarita, Molino del Corcho e Castillejo. Sentieri segnalati Molino del Corcho e Las Laderas.

Il Rivera del Huéznar segna il limite nord occidentale del comune di Constantina, separandolo da Cazalla de la Sierra. Nelle vicinanze del corso, nel comune di Constantina, si trova la collina di Cabeza de Ajo, con un’altitudine di 727 m e popolata da bosco e pascolo arborato con sughere e alcune macchie di lecci e castagni. 

La Vía Verde della Sierra Morena sivigliana passa per un tratto all’interno di Constantina, parallela al corso del fiume. Questa Vía Verde è stata preparata sopra il tracciato del vecchio treno minerario che andava dal Cerro del Hierro alla stazione di Cazalla-Constantina. 

Il Rivera del Huéznar entra a El Pedroso da nordest, e percorre da nord a sud tutta la parte orientale del comune fino ad arrivare alla zona nella quale è regolato dall’omonimo bacino, da dove esce segnando il limite tra El Pedroso e Constantina. Prima del bacino, il fiume percorre terreni del Parco Naturale Sierra Norte accompagnato in alcuni tratti dal bosco a galleria, sostituito in gran parte da oleandri e tamerici.

A pochi chilometri dal nucleo urbano, nella confluenza del Rivera del Huéznar con il Ruscello di San Pedro, si trova la Fabbrica di El Pedroso, anche detta la Fabbrica del Ferro, ricordo del passato minerario di questo municipio. Si tratta dei resti di un grande complesso industriale, il quale era dotato di strutture siderurgiche, laboratori, una centrale idraulica e case per i lavoratori, in funzione fino al 1895
L'accesso è libero. Attraverso la A-452 in direzione del municipio di Constantina o attraverso la strada A-432 in direzione di Cazalla.

Categoria
Altro

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.