Osuna Colegiata

Siviglia, bella e diversa

Archeologico

Il Museo Archeologico di Siviglia viene fondato alla fine del XIX secolo, quando fu creata una collezione pubblica di antichità, la maggior parte estratta dalla città romana di Italica.

Il Museo Archeologico ed Etnografico de La Puebla de Cazalla si trova presso la Tenuta della Fuenlonguilla che ospitava il tipico frantoio in funzione dal XIX al XX secolo.

Il giacimento archeologico situato nell'antica Plaza de Armas del Alcázar Real, noto come El Picadero, occupa la zona più alta della città, dove si possono trovare resti turdetani, romani e resti delle mura di un castello mussulmano; si possono osservare i livelli di occupazione di Écija dalle sue origini, verso l’VIII secolo a.C. fino ad oggi.

Il Centro Andaluz de Arte Contemporáneo (C.A.A.C.) venne fondato nel febbraio 1990 con l’intenzione di dotare la Comunità Autonoma di un’istituzione appropriata per la ricerca, conservazione, promozione e divulgazione dell’arte contemporanea.

Durante la prima fase di costruzione del Metropol Parasol vennero rinvenuti reperti risalenti a epoca Romana, dall’impero di Tiberio (30 d.C. circa) fino al VI secolo, nonché una casa islamica almohade originaria del periodo tra il XII e il XIII secolo. 

Il Museo del Complesso Archeologico di Carmona venne inaugurato nel 1885, essendo uno dei primi enti museali spagnoli legati direttamente al sito archeologico: la necropoli di Carmona.

Il Museo Archeologico Torre del Agua ospira uno degli esempi più ricchi dell'eredità patrimoniale e culturale lasciata dalle varie civiltà che popolaronoOsuna.