Rocío-Gines

Siviglia ti fa innamorare

Il Museo del ballo flamenco di Siviglia è il primo e unico museo di questa tipologia esistente al mondo. Si tratta di una struttura moderna che conserva tuttavia radici antiche, situata in un pregiato edificio del XVIII secolo eretto sulle fondamenta di un antico tempio romano.

 Festival di Flamenco

A partire dal 1998 i direttori artistici Rosana de Aza e Olinto de la Obra, precursori della promozione e divulgazione del patrimonio artistico e culturale di Al-Ándalus, lavorano per divulgare la storia del flamenco più tradizionale e potenziare la tradizione del folklore dell’Andalusia, dichiarato Patrimonio dell’Umanità.

La Casa de la Guitarra è un Centro Culturale Flamenco avente sede in una casa del XVIII secolo, in pieno cuore del quartiere denominato Barrio de Santa Cruz (antico quartiere ebraico), a pochi passi dalla Cattedrale.

La Biennale del Flamenco di Siviglia ebbe inizio nel 1980 e da trent’anni a questa parte ha acquisito grande importanza, con la partecipazione dei migliori musicisti e ballerini di flamenco. La manifestazione dura circa 30 giorni e coinvolge varie sedi della città, da teatri a stabilimenti più piccoli.

Si celebra ogni anno a luglio, e riunisce cantaores, chitarristi e bailaores rinomati e di prestigio. Lebrija è la culla dell'arte flamenca, dove sono nati cantaores famosi come Juan Peá “El Lebrijano”, che hanno contribuito al patrimonio artistico di questa città.

L’ultimo sabato del mese di giugno, gli appassionati di flamenco hanno un appuntamento a Utrera con il più longevo festival estivo della Spagna, “El Potaje Gitano”, la cui creazione risale al 1957. Da allora, la confraternita dei Gitanos di Utrera ha reso omaggio, anno dopo anno, a rilevanti figure di quest’arte (Caracol, Mairena, Camarón, Fernanda y Bernarda, Lebrijano...).