Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Cappella della Vera Croce

105
3

La Chiesa della Vera Croce è un'opera architettonica del periodo barocco della seconda metà del XVIII secolo, caratterizzata da un'accentuata decorazione, messa in risalto dal monumentale portale, scolpito in laterizio pregiato. Ubicata sui resti di un primitivo eremo del XVI secolo, è dedicata al Cristo della Santa Vera Croce ed è l'unico edificio religioso a pianta centrale del Comune.

Le prime notizie della sua esistenza risalgono al 1602. Successivamente, durante il terremoto di Lisbona del 1755, la cappella crollò. A seguito di quell’evento, iniziò il processo di ricostruzione. Nel 1780 l’edificazione fu completata e fu aperta alla devozione dei fedeli. Sotto la protezione delle famiglie Zayas e Benjumea nel XIX secolo, si realizzarono le aggiunte della parte posteriore. Nel 1936, con la Guerra Civile spagnola, fu saccheggiata e ne sparirono le Immagini, fino al suo totale abbandono.

Il 20 maggio 2003, la Fratellanza della Vera Croce commissionò il progetto di restauro della Chiesa, che fu nuovamente consacrata dal Cardinale Arcivescovo di Siviglia, Fray Carlos Amigo Vallejo, il 20 novembre 2004.

Ha una pianta centrale con una grande cupola, a cui si annettono due cappelle laterali rettangolari con volta a botte e l’altare maggiore con copertura moderna. L'arco trionfale e il suo corrispondente nell'accesso sono mistilinei con una modanatura, come tutto l’insieme, molto ariosa.

Il portale, realizzato in mattoni intagliati, è costituito da doppie colonne balaustrate che sorreggono i coronamenti, disposti negli angoli su ciascun lato del vano di accesso, che si chiude con un arco mistilineo con modanature spesse e duplicate.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.