Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Eremo del Rocío di Olivares

264
0

Questa Fratellanza del Rocío sorse intorno al 1933, sotto l’egida dalla già stabilita Fratellanza di Umbrete, ma solo all’anno seguente, nel 1934, passerà sotto l’ala protettrice dalla Fratellanza di Gines, la “Fratellanza Madre” che la accolse come sua “filiale”, assegnandole il numero diciotto di anzianità. Il 13 maggio 1935 sorse ufficialmente e canonicamente ad opera dell'Arcivescovato di Siviglia, in virtù del Decreto nº 13.287 del Vicariato Generale, come Fratellanza del Rocío.

Acquisirono la loro prima casa di fratellanza a El Rocío nel 1950, sostituita da un’altra più grande che, costruita disinteressatamente dagli stessi devoti del Rocío di Olivares nei fine settimana, sarà completata nel 1977. Nel 1955, si commissionò allo scultore Antonio Eslava Rubio un'immagine della Madonna del Rocío, dato che la precedente andò persa nel prendere fuoco i vestiti con la fiamma delle candele che illuminavano la chiesa, salvandosi il solo Piccolo Pastore. Il Simpecado (stendardo) con cui i pellegrini attualmente si recano in pellegrinaggio e il carro d'argento sono opera di Eduardo Seco.

La forza della devozione per El Rocio ha reso possibile la costruzione di una Cappella-Casa Fratellanza nella Avenida del Rocío della località. A pianta ottagonale, con una grande cupola, vetrate e due torri, è un punto di riferimento in tutto l’Aljarafe, al punto da essere l'unica fratellanza della regione ad avere una immagine e una cappella proprie.

Simmetrica nella pianta e nella composizione in alzato, ha un profilo facilmente riconoscibile, in cui spicca il colore bianco tra le bande verticali e orizzontali in color arancione leggero, e le due guglie ottagonali che sormontano le torri.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.