Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Torre del Homenaje

685
2

La Torre del Homenaje di Estepa è un torrione eretto dal Maestro dell’Ordine di Santiago Lorenzo Suárez de Figueroa, alla fine del secolo XIV-inizi del secolo XV.

Edificio dall’austero e rude profilo militare, è senza dubbio l’elemento architettonico più interessante della cinta murata di Estepa. Ha una pianta quadrata con 13 m di lato per 26 di altezza, ed è lavorata alternando strati di conci disposti per il lungo con strati disposti per il largo alla base, negli angoli e attorno ai vani. Il resto dei paramenti è in muratura a secco. Massiccio fino a metà del suo volume, contiene una camera dalla pianta quadrata coperta con volta gotica a crociera ottagonale. Le nervature poggiano sopra mensole con le cinque foglie di fico dello stemma della famiglia di Lorenzo Suárez de Figueroa.

Nella chiave o pietra centrale è scolpita la Croce di Santiago, come simbolo della Encomienda1 cui appartenne questa città dal 1267 al 1559. Sul lato nord e sud si aprono finestre lobate; nel coronamento restano solo le tracce delle mensole che sostenevano le garitte.

La costruzione della Torre del Homenaje fu il culmine di un processo noto come feudalizzazione, nel quale oltre ad elementi militari si possono ricostruire concetti sociali, antropologici e persino simbolici. I lavori necessari per la costruzione della torre, dei quali conosciamo la data di conclusione, nel 1390, comportarono una ristrutturazione sostanziale di tutto l’angolo ovest della cinta originaria.

1.    Nel Medioevo, all’epoca della Reconquista, nei regni di Castiglia e di Aragona, le encomiendas (commende) erano territori, immobili, rendite o benefici retti da un commendatore. Il fine dell'istituzione era proteggere quella parte della popolazione che abitava lungo la frontiera con i territori musulmani.  

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.