Mantecados

Siviglia, bella e diversa

La storia di Casa Guardiola inizia nel XIX secolo, in pieno romanticismo sivigliano, quando Andrés Parladé e Sánchez de Quirós, conte di Aguiar, delegato reale delle Belle Arti e delegato-direttore degli scavi di Itálica, ne commissionò la costruzione.

La sede della Fondazione Tres Culturas si trova sull'Isla de la Cartuja, che era il padiglione del Marocco durante l'Esposizione Universale di Siviglia del 1992.

Il centro culturale Casino de Marchena è un punto d'incontro per gli amanti della cultura. Dispone di svariate sale e una sala riunioni, dove si svolgono eventi e manifestazioni culturali di ogni tipo come presentazioni di libri, dibattiti, conferenze, recital e concerti.

Saloni: Sala Principale (110 posti), Sala 2 (110 posti)

Il Palazzo del Marchese di Benamejí è uno dei principali monumenti civili dello stile barocco in Andalusia. Si tratta di un edificio risalente alla fine del Settecento, di grandi dimensioni e di grande valore artistico.

Il Real Alcázar di Siviglia, la cui costruzione iniziò nell'alto medioevo, è formato da un gruppo di palazzi sontuosi dove si sovrappongono molteplici stili: dall'arte islamica dei suoi primi abitanti, al mudéjar e al gotico, del periodo successivo alla conquista della città da parte delle truppe castigliane, fino allo stile rinascimentale e barocco delle riforme successive.

La Casa Pilatos, dichiarata Monumento Nazionale nel 1931, costituisce il più notevole esempio di architettura sivigliana del XVI secolo. A iniziare la costruzione furono Pedro Enríquez, sindaco di Adelantado dell'Andalusia, e sua moglie Catalina de Ribera. Suo figlio, Fadrique Enríquez de Ribera, ampliò il palazzo fino alla sua morte avvenuta nel 1539.

Palazzo residenziale situato nel centro storico della città di Siviglia. È un prezioso esempio di architettura barocca civile dell'Andalusia. La casa dispone di un giardino di 1.350 metri quadrati ed è dotata di otto saloni comunicanti tra loro, che occupano uno spazio di 450 metri quadrati.