Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Chiesa San Juan Bautista

247
3

La chiesa di San Juan Bautista venne fondata probabilmente dopo la conquista cristiana di Marchena e potrebbe essere legata alla presenza dell’ordine di San Giovanni nel paese, documentata nel XIII secolo. Di quest’epoca primitiva resta solo la cappella che si trova sotto il campanile.

Dal 1490 si costruiscono le tre navate centrali, il campanile e le tre absidi. Le tre navate sono sovrastate da uno splendido soffitto a cassettoni mudéjar. Nel 1550 si costruiscono le due navate collaterali che inglobano le cappelle. La sua fondazione è a carico di Rodrigo Ponce de León e della famiglia Pacheco, così come rivela il suo testamento e l’araldica che presiede l’arco trionfale del presbiterio. La chiesa è in stile gotico-mudéjar con trasformazioni e aggiunte realizzati nel XVII e XVIII secolo. Negli anni ‘90, il tempio è stato sottoposto a un profondo restauro.

Al suo interno accoglie un importantissimo patrimonio dell’arte sacra con opere realizzate dagli artisti più importanti e prestigiosi di ogni epoca: Francisco de Zurbarán (la collezione della Sacrestia, con nove dipinti del 1637, commissionata all’artista nel 1634), Pedro de Mena (Immacolata 1688), Jorge e Alejo Fernández (Retablo Maggiore gotico 1521-1533), Roque Balduque (Retablo del Tabernacolo 1556), Francisco de Alfaro (Ostensorio processionale 1575-1579), Jerónimo de Balbás e Juan de Valencia (Coro barocco 1714-1717), Cristóbal de Morales,... 

La Parrocchia di San Bautista è dichiarata Bene di Interesse Culturale (BIC) dal 1931. 

Orario

Visite programmate con prenotazione.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.