Mantecados

Siviglia, bella e diversa

Questa chiesa, risale alla fine del XX secolo, per cui è di recente costruzione. Presenta navata unica ed è dotata di gallerie superiori, laterali e posteriori, supportate da slanciate colonne. Il soffitto a cassettoni mudejár, sia nella chiesa che nella sacrestia, è opera del maestro Miguel Farse.

Il Palazzo venne costruito verso il 1905 dall’architetto José Gutiérrez Lescure e dal capomastro José Solares, intervenne anche il capo muratore di Dos Hermanas, Juan López Tristán di cui i discendenti sono noti con il soprannome di (Raon), per la Famiglia Alperiz, (Manuel Alperiz Bustamante e la moglie Juana González) grandi commercianti di telai.

L'ex residenza di Otto Engelhardt è conosciuta come Villa Chaboya dal nome del colle alle cui falde si innalza.

Situato nel cuore della città, questo parco ha recuperato, a vantaggio degli abitanti del paese, i terreni occupati dalla vecchia stazione ferroviaria di Camas. La vecchia stazione fu inaugurata nel 1888. È in stile neo-mudéjar, attingendo alle influenze dell'architettura storicista della fine del XIX secolo e inizio XX nell'ambiente sivigliano.

Magnifico edificio del XVIII secolo, in stile regionalista con tocchi neoclassici. Venne catalogato come Bene di Interesse Culturale il 5 luglio del 2005 secondo il Decreto 162/2005, del 5 luglio. Spiccano il patio neomudéjar, la cappella e la biblioteca.

Edificio del XVI secolo, di proprietà del giudice sivigliano (consigliere del comune di Siviglia) Juan Rodríguez, e del quale restano pochi resti a causa delle tante modifiche realizzate.

Aguadulce deve gran parte della sua fama alla qualità delle sue coltivazioni. Fave e fagioli godono di tanta popolarità che non sarebbe strano se Jack cercasse nei campi i fagioli magici con cui raggiungere il cielo.