Santiponce Itálica

Patrimonio

Una immensa eredità da scoprire

Città Romana di 'Arva'

758
0

Ad Alcolea e dintorni sono presenti importanti resti archeologici, in quanto vi erano situati due insediamenti romani, Arva e Canama, dediti al commercio fluviale e, in particolare, alla produzione di ceramiche.

Sono state recuperate infrastrutture di terme romane, piscine, colonne scanalate con capitelli corinzi, e un dipinto murale del luogo dà un'idea del tenore di vita degli abitanti.

Si tratta di un luogo unico, tra Alcolea del Río (Canania) e Lora del Río (Axati), dove rimangono vestigia di una certa importanza. El Castillejo è stato confuso da diversi autori (Bonsor, Callender, etc.) con il sito di Peña de la Sal.

L'origine preromana di Arva si deduce dalla ceramica ibero-punica dipinta e campana d’imitazione, ma sarà in epoca romana quando diventerà un centro per la produzione di anfore olearie ed avrà la necessità di creare un portus, che fu scoperto nel 1890, realizzato sul fianco della collina. I marchi sono abbondanti e confermano una produzione considerevole. I fabbricanti erano senza dubbio uniti in corporazione, e alcuni di essi erano famosi. Ad esempio, si può citare QFF o QFR, marchio della bottega di Flavius Charisianus, figlio di Quinto Fuilvius Rusticus, patrono e pontefice di Arva.

I marchi che Bonsor ha trovato furono rinvenuti in un fossato scavato ai piedi della collina per la costruzione della strada di Lora del Río. La cronologia dei marchi d'anfora va dal I al III secolo d. C., secondo la datazione del Testaccio. Tuttavia, il ritrovamento di tombe tardive prolunga la vita della popolazione fino al IV secolo d.C. In superficie, materiale ceramico ibero-punico dipinto, iberico, campano, aretino, sud-gallico, ispanico, chiaro A, C e D, nonché stampigliato.

Gli scavi effettuati nel 1987 hanno portato alla luce gran parte delle terme monumentali, di cui era visibile solo la sommità delle grandi volte in opus caementicium. Le terme furono realizzate sfruttando la pendenza della collina, per cui sono disposte su due livelli, con un dislivello di circa 6 metri. Questo edificio mostra tracce di saccheggi sistematici fin dall'antichità, essendo scomparsa la maggior parte dei conci delle pareti e il rivestimento in marmo. Infine, è stato individuato un importante insediamento iberico anteriore alla fondazione romana.

0 commenti

Nuovo commento

Poiché i commenti vengono moderati, ci vorrà del tempo prima che vengano pubblicati. In caso di linguaggio offensivo non verranno pubblicati.